A mia figlia Patrizia

A mia figlia Patrizia.

Ti ricordo all’uscita di scuola,
nella folla vedevo te sola,
due codini ondeggiare nervosi
nelle braccia finire amorosi.
E poi piano verso casa si andava
mentre la mia la tua mano stringeva!
Cosa hai fatto stamane amor mio?
E spiegavi quel compito tuo,
aspettando paziente e composta
che tuo padre ti desse risposta.
“Ma che brava questa bella figliola”,
quella frase che ben ti consola
era subito pronta per te
ma quel tempo è passato ahimè!
Or sei donna e poi madre da tempo
e degli anni non tieni più il conto,
un marito e tre figli d’intorno
sono vita per te ogni giorno,
ma tuo padre seppur da lontano
sente ancora la man nella mano
e due code che ondeggian nervose
rifugiarsi tra braccia amorose!

18-dicembre-2015

Il ritratto

IL RITRATTO

Un giorno un tizio contattò un pittore

perché voleva fasse fa un ritratto:

“Me devi fa più bello de un attore

e co’ lo sguardo di un grande adescatore.

Lo voglio fa’ seduto su uno scranno

di legno antico, come un re normanno,

vestito con un mantello de velluto

e co’ l’atteggiamento pettoruto,

perché li posteri che me guarderanno

sortanto tutto questo troveranno,

e ripensanno a chi era l’antenato

diranno: questo era il blasonato

de la famijia tutta quanta intera,

è stato pe’ noi tutti ‘na bandiera”.

“Va beh”, je risponnette quell’artista,

“Er prezzo è questo compreso er costumista,

er trono e tutto er resto che ha richiesto,

so’ trenta scudi senza chiedeme er resto”.

“Er prezzo a dire er vero è un poco esoso

ma ve li do contento e fiducioso

de la bravura vostra e der pennello

che me farà dopo la morte ancor più bello”.

Pagata allor che fu quella parcella

il bravo artista se ritirò in cappella

di un monsignore, vecchio ed imbranato,

un vecchio amico a lui molto legato;

se fece prestà scarpe e poi er mantello

e pure del pievano il suo cappello,

un fiocco lo levò dalla madonna

che stava in mostra sopra ‘na colonna.

Er giorno dopo andò a trovà quer tizio

mostrannoje ‘sta roba da patrizio:

tutto de lusso appartenente ar principe

che dalla Chiesa fu tutto messo all’indice

perch’era un cavalier troppo focoso,

Impazzivano le donne col suo coso.

Al che il povero tizio un po’ incantato,

a quel lignaggio non abituato,

indossò tutto quell’abbigliamento,

se mise a sede con il cuor contento,

stette le ore fermo pe’ l’artista,

strabuzzò l’occhi ma non usò la vista

e quanno poi la tela fu finità

un corpo je seccò la propria vita,

quanno che vidde finarmente chiaro

quello che aveva fatto quer somaro.

In testa quer cappello tutto nero

sembrava un copricapo da sparviero

e quer mantello poco sopraffino

sembrava proprio quello de un becchino.

E co’ quer fiocco messo sopra un braccio

assomijava a un guitto da strapazzo;

le scarpe nere con la fibbia rotta

facevano ride pure ‘na cocotta,

viziate dall’età svettavano all’insù

facevano ribrezzo pure alla servitù.

La storia de ‘sto povero scudiero,

piumato e bello e pure tanto austero

che se credeva d’esse ‘n cavaliere,

finì co’ l’essere buttato in un braciere

perché l’eredi sua de bassa lega

de appartnenè più su nun ie ne frega,

pensanno che se gode come sei

lascianno la superbia solo agli dei!

18-09-2016

 

La religione

La religione.

La religione è quella cosa

che te perseguita senza posa,

appena nasci er primo giorno

nun te la levi mai più de torno!

E cor battesimo te bagna la testa,

la comunione diventa ‘na festa,

quanno la cresima te fai da grande

pensi che terminano le sue domande.

Te sbaij tanto amico mio

perché pure a letto te guarda iddio,

e pe’ portacce ‘na bella sottana

te tocca sposalla al suon de campana!

Co’ annessi e connessi pagando un po’tutti,

risparmi du’ soldi pei prossimi lutti.

Tutto se paga pe’ l’anima nostra

in questa de dio che pare ‘na giostra,

da quando che nasci ner monno de qua

te tocca pagà pe’ quello de là!

16-10-2016

 

 

 

Passeggiata Romana

Via Nazionale nun è pe’ ‘sti calzari
‘Sti sampietrini secolari
te parleno de carri e de sarmenti,
quanno scennevano giù a valle
tanti burini co’ li diversi accenti.
Da li Castelli venivano giù a frotte
portanno er vino svinato nelle grotte,
se da Frascati veniva quello bono
poi te ‘mbriacavi a beve anche da solo,
senza contà che tutti l’ariccini
offrivano porchetta a tutto spiano
accompagnata dar pane de Genzano.
Quell’osterie a Roma d’artri tempi
erano state li meio passatempi
pe’ fa du’ chiacchiere e pure ‘na bevuta
‘na bona usanza che avemo ormai perduta.
E mo ce so’ li snak e li kebab,
mastichi in piedi come li cavalli,
nun sai che magni tanto nun fa niente
perché oltre al cibo manca pure l’ambiente.
Allora scappo via da la fraschetta
e dico a Roma, nun me mette fretta
io ero abbituato a passeggià
a via dei Fori e anche un po’ più là,
dove s’affaccia quer grosso memoriale
che all’arte credo che je fa un po’ male
però je piace tanto ar popolino
forse perché assomija a un’altarino.
Allungo er passo fino alla Navona
’na meravija che l’occhi te imprigiona.
Ar Tre Scalini me so’ pure fermato
pe arigustamme un ber cono gelato
de li mijori che dicheno qui a Roma
co’ quella crema che nun ce sta più bona.
Ancora nun so’ stanco e vado avanti
finché te trovo er Pantheon lì davanti,
‘na cupola così sai che te dico
me pare co’ quer buco un‘ombelico!
Però va be’, è proprio un ber gigante
nun poi negà che è proprio affascinante!
Esco da lì pe annà alla Tazza d’Oro
a prendeme ‘n caffè che io adoro
e poi m’avvio verso er biondo fiume
che da ragazzi se poteva annà in costume
a facce i bagni e quarcheduno i tuffi
mo che ce penso un po’ eravamo buffi!
Dar ponte che c’ha l’angeli sui lati
che belli arivedelli tutti appaiati
tutti c’hanno le ali e uno la croce
mentre ce passi parla a bassa voce.
Eccolo lì davanti er mausoleo imperiale
che in tutto er monno nun ce sta un’eguale,
prima era tomba e poi venne un castello
der papa a sua difesa fu er gioello
che collegava lungo un suo Passetto
quel luogo duro co’ quello benedetto!
Infatti c’è San Pietro un po’ più avanti
‘dove li verbi der Messia se sono infranti
co’ tutti li tesori de là dentro
de trame e dell’affari è l’epicentro.
Che brutta aria, voijo scappà via
e annamme a respirà la Roma mia
e senza arivortamme come un babbeo
me voijo annà a gustà ‘nantro cammeo.
Cor passo un po’ veloce e assai sicuro
raggiungo er Colosseo imperituro
er monumeto che rappresenta Roma
che svetta tutto intorno come ‘na chioma
‘na costruzione così nun s’è mai vista,
er monno era ar cospetto un’apprendista.
Guarda che se fa sera je dico ar sottoscritto
raggiungo così Piazza de Spagna sempre dritto,
eccolo allora er paradiso in terra
la scala illuminata l’anima afferra,
ce sosto quarche ora ormai rapito
e quanno de bellezza so’ arricchito
m’avvio a buttà er sordino nella Fontana
quella de Trevi che poi nun sta lontana.
Lo scroscio d’acqua è musica corale
Il fascino che emana ti è fatale
Ecco che allora per ritornar normale
debbo appagar la fame che mi assale.
Trastevere ordunque è il posto giusto
dove se magna e bevi con buon gusto,
magari gustandose ‘na bona amatriciana,
che musica a quell’ora, la più arcana!
So’ fiero quindi de sta Roma mia
quanno te lascio è sempre un’agonia!
Ma nun te lascio, ce ritorno presto,
nun posso vive fora da ‘sto contesto!
Marcello Soro
11.10.2016

L'immagine può contenere: cielo, nuvola e spazio all'aperto

A mio padre

A mio padre.

I tuoi silenzi, mute parole,

lungometraggi di storie amare,

onde del mare a separare

la propria terra pronto a salpare!

Là la lasciasti nuda e dura

con il coraggio di tua natura,

il continente poi raggiungesti

lasciando il tetto dove nascesti!

Una divisa ti fece uomo

ma poi il dolore ti rese domo,

quando ferite e paura in guerra

tu rimpiangesti la propria terra,

quell’isola sarda che un dì lasciasti

alla ricerca di lidi più vasti.

Ma fu il continente a te così ostile

che ti donò in un mese di aprile

tutto l’amore di questo mondo

che fu per sempre così profondo,

col quale nacque la tua famiglia

che mise al mondo una quadriglia

di quattro figli più o meno bravi

che da buon padre ugualmente amavi.

Tu fosti un padre dal grande cuore

e per tant’altri un benefattore.

Fosti per tutti un uomo giusto

e te ne andasti un giorno d’agosto.

Tu fosti un padre ricco d’amore

che non si può mai più scordare,

resti presente qui nel mio cuore.

La tua assenza mi dà dolore!

Veglia per me dall’alto del cielo

tu che osservasti nel bene il vangelo!

PhotoFunia-1476009589.jpg

A mia madre

A mia madre.

Madre!
Ombre mi avvolgono guidate dal passato,
due occhi bruni che ho tanto amato,
la treccia bianca che avvolge la sua spalla
che copre il suo pudore come una scialla,
due piccoli orecchini a ciondolar lucenti
due morbide labbra che parlano innocenti:
figlio, mi chiede l’immagine sorpresa
perché mi chiami ancora in tua difesa?
Io non sono più di questo mondo
non posso coccolarti in girotondo;
sei uomo anziano ormai figliolo mio
e superiore a me c’è padre iddio!
Nelle sue mani e nel cuor tuo io vivo
ricordati però, sei sempre l’amor mio.

Marcello Soro
04-10-2016

(8).jpg