A mio padre

A mio padre.

I tuoi silenzi, mute parole,

lungometraggi di storie amare,

onde del mare a separare

la propria terra pronto a salpare!

Là la lasciasti nuda e dura

con il coraggio di tua natura,

il continente poi raggiungesti

lasciando il tetto dove nascesti!

Una divisa ti fece uomo

ma poi il dolore ti rese domo,

quando ferite e paura in guerra

tu rimpiangesti la propria terra,

quell’isola sarda che un dì lasciasti

alla ricerca di lidi più vasti.

Ma fu il continente a te così ostile

che ti donò in un mese di aprile

tutto l’amore di questo mondo

che fu per sempre così profondo,

col quale nacque la tua famiglia

che mise al mondo una quadriglia

di quattro figli più o meno bravi

che da buon padre ugualmente amavi.

Tu fosti un padre dal grande cuore

e per tant’altri un benefattore.

Fosti per tutti un uomo giusto

e te ne andasti un giorno d’agosto.

Tu fosti un padre ricco d’amore

che non si può mai più scordare,

resti presente qui nel mio cuore.

La tua assenza mi dà dolore!

Veglia per me dall’alto del cielo

tu che osservasti nel bene il vangelo!

PhotoFunia-1476009589.jpg

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...