L’Ora

L’ora.

Gambe stanche,
lunghe strade
percorse negli anni,
un cambio di panni
in un uomo di sempre
che non guarda più avanti.
Suoni gentili
lontani nel tempo,
non odono più
che rotti strumenti,
una vista sul lago
che ha perso il colore
un verde appassito
che vive nel cuore,
il cielo dall’alto
illumina il viso
è l’ora più dolce,
discende un sorriso.

Marcello Soro

L'immagine può contenere: cielo, nuvola e spazio all'aperto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...