Uno dei miei ultimi sonetti

La religione.

La religione è quella cosa
che te perseguita senza posa,
appena nasci er primo giorno
nun te la levi mai più de torno!
E cor battesimo te bagna la testa,
la comunione diventa ‘na festa,
quanno la cresima te fai da grande
pensi che terminano le sue domande.
Te sbaij tanto amico mio
perché pure a letto te guarda iddio,
e pe’ portacce ‘na bella sottana
te tocca sposalla al suon de campana!
Co’ annessi e connessi pagando un po’tutti,
risparmi du’ soldi pei prossimi lutti.
Tutto se paga pe’ l’anima nostra
in questa de dio che pare ‘na giostra,
da quando che nasci ner monno de qua
te tocca pagà pe’ quello de là!

Marcello Soro
18.02.2017