Passeggiata Romana

Via Nazionale nun è pe’ ‘sti calzari
‘Sti sampietrini secolari
te parleno de carri e de sarmenti,
quanno scennevano giù a valle
tanti burini co’ li diversi accenti.
Da li Castelli venivano giù a frotte
portanno er vino svinato nelle grotte,
se da Frascati veniva quello bono
poi te ‘mbriacavi a beve anche da solo,
senza contà che tutti l’ariccini
offrivano porchetta a tutto spiano
accompagnata dar pane de Genzano.
Quell’osterie a Roma d’artri tempi
erano state li meio passatempi
pe’ fa du’ chiacchiere e pure ‘na bevuta
‘na bona usanza che avemo ormai perduta.
E mo ce so’ li snak e li kebab,
mastichi in piedi come li cavalli,
nun sai che magni tanto nun fa niente
perché oltre al cibo manca pure l’ambiente.
Allora scappo via da la fraschetta
e dico a Roma, nun me mette fretta
io ero abbituato a passeggià
a via dei Fori e anche un po’ più là,
dove s’affaccia quer grosso memoriale
che all’arte credo che je fa un po’ male
però je piace tanto ar popolino
forse perché assomija a un’altarino.
Allungo er passo fino alla Navona
’na meravija che l’occhi te imprigiona.
Ar Tre Scalini me so’ pure fermato
pe arigustamme un ber cono gelato
de li mijori che dicheno qui a Roma
co’ quella crema che nun ce sta più bona.
Ancora nun so’ stanco e vado avanti
finché te trovo er Pantheon lì davanti,
‘na cupola così sai che te dico
me pare co’ quer buco un‘ombelico!
Però va be’, è proprio un ber gigante
nun poi negà che è proprio affascinante!
Esco da lì pe annà alla Tazza d’Oro
a prendeme ‘n caffè che io adoro
e poi m’avvio verso er biondo fiume
che da ragazzi se poteva annà in costume
a facce i bagni e quarcheduno i tuffi
mo che ce penso un po’ eravamo buffi!
Dar ponte che c’ha l’angeli sui lati
che belli arivedelli tutti appaiati
tutti c’hanno le ali e uno la croce
mentre ce passi parla a bassa voce.
Eccolo lì davanti er mausoleo imperiale
che in tutto er monno nun ce sta un’eguale,
prima era tomba e poi venne un castello
der papa a sua difesa fu er gioello
che collegava lungo un suo Passetto
quel luogo duro co’ quello benedetto!
Infatti c’è San Pietro un po’ più avanti
‘dove li verbi der Messia se sono infranti
co’ tutti li tesori de là dentro
de trame e dell’affari è l’epicentro.
Che brutta aria, voijo scappà via
e annamme a respirà la Roma mia
e senza arivortamme come un babbeo
me voijo annà a gustà ‘nantro cammeo.
Cor passo un po’ veloce e assai sicuro
raggiungo er Colosseo imperituro
er monumeto che rappresenta Roma
che svetta tutto intorno come ‘na chioma
‘na costruzione così nun s’è mai vista,
er monno era ar cospetto un’apprendista.
Guarda che se fa sera je dico ar sottoscritto
raggiungo così Piazza de Spagna sempre dritto,
eccolo allora er paradiso in terra
la scala illuminata l’anima afferra,
ce sosto quarche ora ormai rapito
e quanno de bellezza so’ arricchito
m’avvio a buttà er sordino nella Fontana
quella de Trevi che poi nun sta lontana.
Lo scroscio d’acqua è musica corale
Il fascino che emana ti è fatale
Ecco che allora per ritornar normale
debbo appagar la fame che mi assale.
Trastevere ordunque è il posto giusto
dove se magna e bevi con buon gusto,
magari gustandose ‘na bona amatriciana,
che musica a quell’ora, la più arcana!
So’ fiero quindi de sta Roma mia
quanno te lascio è sempre un’agonia!
Ma nun te lascio, ce ritorno presto,
nun posso vive fora da ‘sto contesto!
Marcello Soro
11.10.2016

L'immagine può contenere: cielo, nuvola e spazio all'aperto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...